Aiuto i miei clienti...

"a fare in modo che il lavoro non sia più percepito come un lavoro pesante, bensì pensante, illuminante ed entusiasmante!"

Rosa Melchiorre

COMPORTAMENTI DI ACQUISTO NEL SETTORE ALBERGHIERO

07.02.2019 - 15:12

Non è facile intercettare le preferenze di ogni cliente, eppure è possibile individuare abitudini e comportamenti per ogni segmento alberghiero. Uno studio di Sojern analizza le convergenze e le divergenze fra le varie tipologie di hotel per aiutare gli albergatori a comprendere quali sono gli ospiti giusti per le proprie esigenze (e viceversa).

1. Esiste una correlazione fra classe di volo e tipologia di Hotel.

Gli ospiti degli hotel del segmento luxury tendono ad avere abitudini di acquisto uniche, spesso molto differenti rispetto agli altri. Non essendo costretti a dover scegliere solo fra certe date e certe destinazioni, come per esempio il segmento economy, i viaggiatori del lusso eseguono più ricerche, pianificano con più anticipo e il loro utilizzo delle risorse mobile differisce sensibilmente dagli altri segmenti di hotel.

Ma una delle differenze più vistose è la percentuale di clienti che abbinano alla prenotazione alberghiera un volo in prima classe o in business. Sapendo di questa correlazione fra la classe del volo e il segmento dell’hotel, per chi lavora al marketing alberghiero è più facile comunicare ai giusti viaggiatori con un messaggio pertinente.

Chi prenota in classe economica o con voli low cost, per esempio, è più probabile che prenoti una struttura di fascia economica. Lo stesso vale per gli hotel di lusso e i viaggiatori in prima classe. Ma per quanto riguarda invece gli hotel di fascia media? In questa zona grigia è possibile influenzare i viaggiatori di tutte le classi di volo, basta semplicemente costruire un’offerta che tenga conto delle loro differenze.

Un viaggiatore che prenota un posto economy sull’aereo, magari per partire il giorno giusto o proprio per risparmiare denaro, potrebbe lo stesso soggiornare in un hotel di lusso se la camera, da strumento come il volo, diventa esperienza.

2.  I tempi di consegna delle prenotazioni variano in base al tipo di hotel.

Mentre gli utenti iniziano a sognare il loro viaggio perfetto, è importante farsi trovare di fronte a loro nel momento giusto. Per quanto gli hotel di lusso siano in effetti quelli con tempi più lunghi sia nella ricerca sia nella prenotazione, le fasce intermedie hanno tempi di ricerca inferiori al segmento economy, che condivide Lead Time non dissimili con le fasce più alte.

3. Attrarre Millennial e Generazione Z

Le abitudini di viaggio sono cambiate drasticamente da quando i Millennial prima e la Generazione Z adesso sono entrati nel mondo del lavoro. I risultati di un sondaggio Expedia Media Solutions mostrano come i millennial viaggino di più, ben 35 giorni l’anno, seguiti da vicino proprio dalla Gen Z, che viaggia 29 giorni l’anno. I Millennial e i Gen Z preferiscono spendere soldi per esperienze straordinarie piuttosto che su beni materiali, perciò gli hotel di lusso o boutique rappresentano per loro un perfetto investimento. I millennial stanno scegliendo vacanze sempre più confortevoli, del resto parte della generazione ha superato ormai i trent’anni, con l’83% che ha dichiarato di preferire vacanze all-inclusive, e il 70% di aver soggiornato in hotel durante il loro ultimo viaggio.

Nonostante i dubbi sulla capacità di spesa di questa generazione, i millennial sono il segmento perfetto per gli hotel di lusso che vogliono offrire opzioni all-inclusive. Basta inquadrare l’hotel come luogo perfetto per vivere esperienze uniche ed esclusive, oltre a una presenza social e mobile curata; quasi il 90% di Gen Z è influenzato dai social media quando si effettuano piani di viaggio e acquisti.

COLLOQUIO DI LAVORO: CONSIGLI UTILI PER AFFRONTARLO AL MEGLIO

23.01.2019 - 16:11

Spesso albergatori e imprenditori mi chiedono di selezionare candidati per le loro imprese e sono molti gli errori in cui incappano le persone.

Il colloquio di lavoro è una conversazione in cui i candidati sono sottoposti a domande precise che mirano a valutare la loro preparazione culturale e professionale e la loro motivazione al lavoro. Più precisamente, l’intervistatore esamina la veridicità delle affermazioni fatte nel curriculum, la coerenza tra la personalità del candidato e l’iter professionale scelto, e non ultimo, indaga nella vita privata del candidato formulando domande su i propri valori (“quali sono le cose più importanti nella tua vita?” oppure “per quali cose – o valori- sei disposto a lottare fino in fondo?”) , sul proprio carattere ( la domanda classica è: “quali sono i tuoi pregi principali?” e “quali sono i tuoi peggior difetti?”), sui propri desideri e aspirazioni.

Il selezionatore talvolta cerca di mettere in difficoltà l’esaminando per valutare la coerenza e l’autenticità della persona che ha davanti.

In questo modo il selezionatore osserverà la capacità del candidato di esprimersi e di arrivare a una qualche conclusione. Se si viene messi in questa situazione è opportuno dimostrare abilità nella sintesi e nell’analisi, non parlare per luoghi comuni generalizzando, ma aprire le frasi dicendo sempre: “io penso che…” , “il mio parere sull’argomento è….per le seguenti ragioni teoriche e empiriche….”. non mostrarsi fanatici e aggressivi, ma dimostrare ironia e elasticità mentale anche su argomenti o fatti che detestiamo. Quello che conta ed è decisivo in questa prova, è il non rimanere senza parole e il non sapere cosa dire.

Dal momento che questo colloquio è importantissimo nella selezione del lavoratore, è fondamentale che il candidato tenga presente i punti seguenti:

Arrivare al colloquio preparati:

  • Sull’azienda, sul suo settore merceologico, sull’andamento del mercato
  • Su quanto scritto sul proprio curriculum
  • Sui requisiti richiesti dall’azienda nell’offerta di lavoro
  • Arrivare puntuali, indossare abiti formali e evitare look troppo forti, trucchi troppo accentuati, gioielli eccessivi, profumazioni eccessive.
  • Salutare senza timidezza, e sedersi solo quando si è invitati a farlo.
  • Non cascare nelle provocazioni che vi verranno formulate.
  • Ricordarsi di evitare i seguenti atteggiamenti:
  • Mostrarsi ansiosi e quindi rispondere in modo evasivo e sfuggente per non fronteggiare a pieno il nostro interlocutore,
  • Adulare e cercare di sedurre il selezionatore
  • Opporsi al selezionatore cercando di dominarlo e di dimostrare la nostra superiorità.